L’euro rapito. L’alternativa dei PIGS

14,00

Autore: Costas Lapavitsas
Editore: Jaca Book
Collana: Di fronte e attraverso
ISBN: 9788816411791
Pubblicazione: 10/01/2013

Disponibile su ordinazione

COD: 9788816411791 Categoria:

Descrizione

Ci troviamo nel bel mezzo di una crisi sistemica senza un programma di socializzazione di massa dell’attività produttiva, e in un contesto di accanita competizione internazionale fra poli imperialisti, con uno scontro sempre più duro e frontale fra area del dollaro e area dell’euro-marco. La Germania controlla la sua crescita incentrandola sull’export e necessita del deficit dei paesi europei dell’area mediterranea, i cosiddetti PIGS (Portogallo, Italia, Grecia, Spagna), inclusa anche la Francia, in quanto l’acquisto da parte del sistema bancario e finanziario tedesco dei titoli del debito pubblico di questi paesi rappresenta una forma di investimento del proprio eccedente accumulato con le esportazioni. In concreto, il surplus della bilancia commerciale tedesca è reso redditizio dall’investimento nel debito dei paesi europei con bilancia commerciale in deficit. Ed è proprio il sistema bancario tedesco che gestisce tale eccedente, compreso quello di altri paesi del Nord Europa. Alla fine, la politica applicata difenderà ovviamente gli interessi dei più forti, in questo caso dei paesi esportatori dell’Europa centrale, rispetto ai deboli paesi europei della periferia mediterranea. In pratica, salvare l’Unione Europea e quindi il modello di export tedesco significa semplicemente distruggere le possibilità autonome e autodeterminate di sviluppo dei paesi europei dell’area mediterranea, lasciando un sempre maggior numero di persone senza protezione, nella miseria…